venerdì 12 marzo 2010

Una maglietta bimbo dipinta. Come mascherare le macchie e decorare con i colori per stoffa

Oggi solo un post veloce. Sono un po' demoralizzata perchè i motori di ricerca, Google in primis, continuano ad ignorare il mio blog. Uffa.
Per tirarmi su vi propongo due magliette per bambini decorate, che mi danno ancora una gran soddisfazione, pur essendo un progetto eseguito la scorsa estate: il Pulce le vuole indossare spessissimo!
Il problema è sempre quello: maglietta ereditata da un cuginetto, impossibile da smacchiare, oppure maglietta bianca triste triste, che ti vien subito voglia di decorarla e dipingerla un po'.
Nel primo caso vedete una bella polo bianca e azzurra, cotone stupendo.. indovinate dove era la macchia?


Peggio che una medaglia! E allora ecco spuntare un bel dinosauro verde dipinto a mano con i colori per stoffa dopo averne riportato il disegno in trasparenza.
Questo è il disegno di stegosauro che ho usato.
Ho sfruttato questo modello anche per intagliare nell'adigraf un timbro ex-libris.... ma questo è un altro post..



Per fortuna il mio sforzo è stato sufficientemente apprezzato dal Pulce, solito destinatario dei miei esperimenti, anche se mi ha confessato che avrebbe preferito un dinosauro carnivoro. Ora è un mezzano, non più un piccolo!
A giudicare dallo stato consunto del disegno a furia di lavaggi (ho dovuto ritoccare l'immagine!) devo ritenermi soddisfatta del risultato: questa maglietta ha davvero avuto (fino ad ora, almeno) un'altra vita!

La maglietta bianca invece ha un'altra storia. Già triste di suo per il colore smorto, giunta da chissà dove ancora indenne ma prontamente e definitivamente macchiata con del gelato al cioccolato, il suo destino è stato un bel disegno a tema animale domestico. Ho trovato questo cagnolino in una colouring page sul sito della BBC CBeebies. Seguendo il link potete scaricare il disegno del simpatico cagnolino, pare si chiami Benny, un personaggio della serie animata Toddworld . Non ho mai avuto il piacere di vederne qualche puntata, ma la semplicità dei disegni, la loro "fumettosità", mi hanno subito conquistata.


Ho stampato l'immagine dal sito e l'ho riportata sulla stoffa ben stesa con la carta carbone. In realtà alla fine ho un po' interpretato il disegno usando un colore naturale, rispetto ai colori "acidi" dell'originale, e bilanciando l'asimmetrica posizione del cagnetto, obbligata per garantire la copertura della macchia, con un osso inventato lì per lì. Non gli dà quel tocco in più?

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciami un tuo commento! (grazie!)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvertenza

Questo blog non è una testata giornalistica e non ha scopi di lucro.

Potrebbero essere state utilizzate occasionalmente immagini trovate nel web che ho ritenuto interessanti. Qualora i proprietari di tali immagini vedessero lesi i propri diritti su tale materiale sono pregati di segnalarmelo così che io possa immediatamente rimuoverlo.