martedì 30 marzo 2010

Pirati e Corsari I. Tre canzoni da cantare

Oggi un post un po' così. Intanto che cerco di capire come fotografare la giostrina musicale per neonato (a tema "cielo", per cui l'ho battezzata sky mobile) e rendere decentemente l'idea. L'ho finalmente montata ieri sera dopo che i pezzi sono stati sparsi ad occupare il tavolo dei lavoretti per almeno una settimana, e devo dire che la parte più dificile è stata proprio il cucire con il filo trasparente.


Comunque. Pirati e Corsari come vi anticipavo sono ormai di famiglia, e quindi ho raccolto tre canzoni e un libricino legati a questo momento, che mi voglio proprio ricordare. In questo post vi propongo queste tre canzoni:
  • I Pirati Ballano
  • I Tre Corsari
  • Quattro Pirati

 I Pirati ballano
(musica e uno dei testi alternativi QUI)

I pirati ballano sui ponti delle navi
e le casse scassano se mancano le chiavi. 



RIT: Gira gira per il mar, corri e non fermarti mai
sempre all'erta notte e di'... pirata sei cosi'.



Sul pennone sventola altissima la bandiera
quella dei pirati e' tutta bianca e nera.

RIT.



I barili scolano bevendo a piu' non posso,
quando sono ciucchi cadono nel fosso.



RIT.



Se le navi vedono salpano all'arrembaggio
che bel mestiere, fare il pirataggio.

RIT.





I tre corsari
di L. Beretta - N. Comolli
(QUI un pezzettino della versione ufficiale dello Zecchino d'Oro 1963)

(parlato)
UNO PIU' UNO... DUE!
DUE PIU' UNO... TRE!



(parlato)
All'arrembaggio!



Tre corsari, tre corsari
Se ne van pei sette mari.
I corsari sono tre
E i pirati trentatre!



Trentatre sono i pirati
Sempre a caccia di tesori.
I corsari sono tre
E i pirati trentatre!

C'è il corsaro Rosso più grosso di un dragone,
C'è il corsaro Verde più forte di un leone,
C'è il corsaro Nero più nero del carbone!
I corsari sono tre,
Ma ogni capo fa da sé.

Undici pirati son zoppi ad una gamba,
Undici pirati sull'occhio hanno una benda,
Undici pirati non sentono la tromba!
I corsari sono tre
E i pirati trentatre!



Tre corsari, tre corsari
Se ne van pei sette mari.
I corsari sono tre
E i pirati trentatre!




Quattro pirati
(QUI le prime strofe cantate ed un esempio dei movimenti con cui accompagnare il canto)

Quattro pirati sul Mar dei Sargassi,
Sopra una zattera fatta di assi
Vanno remando, dicono loro,
Alla ricerca di un grande tesoro



Peròoooo......



Un è alto, uno è basso, uno è zoppo
ed il quarto ha una benda sull'occhio
Vanno remando dicono loro
Alla ricerca di un grande tesoro



Peròoooo......



Il tesoro è stato rubato
da una balena che se l'è mangiato
l'hanno avvistata, dicono loro,
là nella Baia dell'Angelo D'Oro



Peròoooo......



La balena li ha visti arrivare
presto corre nel fondo del mare
E tutti i pesci, in girotondo
Fanno la festa più bella del mondo!



E tutti i pesci, in girotondo
Fanno la festa più bella del mondo!

Pirati e Corsari II. Un Libro In Tasca, o forse più..

Sempre a proposito di Pirati e Corsari, un po' di tempo fa abbiamo preso questo libro in biblioteca, ma è molto attuale, per quanto ci riguarda. Inoltre contiene la definizione della fondamentale differenza tra Pirati e Corsari, a me precedentemente ignota. E' del bravissimo autore Colin McNaughton e si intitola "I Pirati":


Fa parte della collana Un Libro In Tasca ed è ormai introvabile. Colin è anche autore degli esilaranti "Opplà!" e "All'improvviso!"



e del poetico "La partita di pallone".

"I pirati" racconta la storia di Toni Stanton, un ragazzino molto piccolo - tipo pollicino - che sventa il rapimento di una principessa-topo ad opera dei pirati-topo che infestano il fossato del castello dove abita con la sua famiglia. Il protagonista compare anche nel libro "La corsa dei topi".


E' un ragazzino impavido e coraggioso, ma i suoi fratelli grandi pensano che viva in un mondo di fantasia e racconti tante balle.. mi ricorda qualcuno.
Vi consiglio di cercare questi libri in biblioteca, vale la pena!

lunedì 29 marzo 2010

Non ho più scuse. Decorare le pareti della cameretta con dinosauri, pesci e pirati.

Questi sono stati giorni di: vera primavera ..

elezioni..


e scatoloni.

...


Non ho messo nessuna immagine degli scatoloni perchè non ne ho fatte, sono traumatizzata dagli innumerevoli traslochi degli ultimi anni e non me li voglio ricordare.
Vi basti sapere che a casa nostra, da quando c'è il Pulce, perfino i nostri scatoloni sono decorati. Essendo stati lungimiranti - e conoscendoci bene- stiamo ancora riutilizzando scatoloni di traslochi precedenti, dalla cui analisi si potrebbe perfino evincere il percorso grafico maturativo del nostro piccolo.
Come ormai avrete intuito, da tempo siamo nella fase dinosauri,

ma le decorazioni di quest'anno vedono comparire il tema Pirati in modo deciso. Complice lo spettacolo per burattini di Peter Pan a cui abbiamo recentemente assistito, e il vascello pirata Lego che è arrivato a S.Lucia.



Di quando in quando ormai mi capita di immaginare che prima o poi assisterò una battaglia epica tra un feroce Tirannosauro e Capitan Uncino. Ma il Pulce è molto più rigoroso di me e una cosa così per un futuro paleontologo è certamente inconcepibile.
Anche se, grazie ai Cinquedini e ai timbri di gomma crepla, scimmie e pterodattili, anguille e granchi carnivori a volte possono convivere su un'isola sperduta..


Ah, che belli i tempi in cui con noi vivevano solo Scoiattolo e Civetto, due teneri amici immaginari, nati a 2 anni e mezzo e decisamente pacifisti e tuttofare!
Ora ogni occasione è buona per sfoderare qualche "bomba" o "cannone", e le zanne degli animali carnivori sono perennemente grondanti di sangue o con qualche preda ancora calda tra le fauci enormi. Qui vediamo ad esempio un coccodrillo (notare lo sguardo cattivo) che si ingolla una giraffa. Intera, a quanto pare.


Mi sto seriamente domandando se tutto ciò abbia a che fare con la necessità di elaborare in qualche modo aggressività e violenza. E che fine abbiano fatto le esclusive, istruttive e buoniste visioni di Pimpa, Mimi la souris, Ane Trotro...

Comunque, per tornare a noi e al nostro trasloco imminente: non ho più scuse.
Ormai la "cameretta" dei bimbi ha il pavimento, e perfino il colore alle pareti.


Anche se il colore è "giallo scuro" e non ARANCIONE come da richiesta del Pulce, che io ingenuamente pensavo di aver soddisfatto. Tra l'altro mi sa che ha ragione lui.
Ho già anche scelto le immagini da dipingere. Sulla parete "arancione", per rimanere in tema, vorrei illustrare dei dinosauri ballerini ispirati al bellissimo libro: "Dinosauri sempre in festa !" di Tony Mitton e Guy Parker-Rees.


E su quella azzurra, dei pesci o altri animali, dall'ispiratore e molto grafico: "Il mio tuttofigure per scoprire e inventare" di Isabelle Jonniaux.


Si tratta di capire come e quando mettermi al lavoro, senza incorrere nelle ire di Angu e della Ginecogola che vigilano sulle mie contrazioni.
Si tratta poi di capire come fare a riportare i disegni sulla parete verticale, senza magari ricorrere alle tecniche dell'affresco michelangiolesco. O forse si?!?!
Ma invece una scusa ce l'ho!!!! Non posso mica scandalizzare il nostro pittore che -giuro- si chiama Giotto!
Costui, quando ha saputo che volevo decorare le pareti appena dipinte, che mi stava mostrando pieno di orgoglio (non so quante volte gli capiti di fare colori simili..o 1013 o niente..) ha avuto quasi un mancamento e si è  prontamente offerto di farmi preparare un paio di latte di colore "di riserva" in caso dovessi fare delle correzioni ai miei disegni..
Ah, si??! Adesso che ci penso, questa storia del pittore più che una SCUSA sta diventando una SFIDA!
Alla prossima puntata..


P.S. : ecco come è andata a finire...

giovedì 25 marzo 2010

Decorazioni per cannucce. Tutorial: animaletti segna-bicchiere per la prossima festicciola di primavera.

Per la serie: "Posto Finchè Posso" vi illustro un tutorial utile per allietare e rendere più eco-sostenibile la prossima festicciola dei vostri bimbi.
Ho ricreato per voi (e per la Caccia all'Uovo che vorremmo fare a Pasquetta) dei graziosi segna-cannucce già sperimentati all'ultima festa di compleanno del Pulce. Non sono carini?


Come è nata l'idea?
Avete presente le feste in cui i bicchieri di plastica usa e getta si ammassano confusamente su ogni tavolo, mensola, mobiletto della sala? Avete presente quelle "padrone di casa" che non hanno voglia nè bicchieri a sufficienza per offrire bibite in bicchieri di vetro e che fanno il tentativo di scrivere il nome degli invitati sul bicchierino di plastica nella vana speranza che possa essere riutilizzato almeno per tutta la festa senza riempire alla fine interi sacchi della spazzatura di stoviglie usa e getta? In questo caso il problema è amplificato dal fatto che spesso abbiamo a che fare con bimbi che non sanno ancora leggere!
La mia vita di ospite è cambiata dopo la messa in commercio delle soviglie usa e getta riciclabili della Coop, nel senso che mi sono sentita meno in colpa per tutto il ciarpame buttato a fine festa, ma la soluzione che vi propongo va ben oltre, ed è anche decorativa!
Piuttosto che questo squallore anni '60!!


Per cominciare ci vogliono dei bei disegnini, in tema con la festa ma anche no. Devono essere molto diversi tra loro, riconoscibili e di gusti compatibili con i nostri ospiti, che li sceglieranno appena arrivati.
Li potete disegnare a mano, far disegnare dai bimbi di casa o stamparli dal web.
L'unica accortezza è di prevedere un numero sufficiente di cannucce con dinosauri carnivori quando avete ospiti bambini fanatici dell'argomento per evitare che si accapiglino ancora prima di iniziare a divertirsi (basta ricordare che per un esperto non esiste solo il Tirannosauro!!)..
Io questa volta ho usato quelli trovati su Star World Rocks perchè le immagini pasquali mi sembrano sempre troppo simili tra loro.


Dal web in realtà potete scegliere i disegni che preferite scegliendoli da vari siti di colouring pages, anche se sono formato A4. Basta salvarli, selezionarli tutti e stamparli in formato Wallet (9 per foglio) in modo da ottenere immagini circa delle dimensioni che ci servono.


Questo il materiale occorrente:

- cannucce colorate
- cartoncino non troppo spesso (si deve poter mettere nella stampante!)
- pennarelli o altri colori
- forbici e possibilmente anche taglierino
- rotolo di adesivo trasparente grande

Passaggi:

- colorare i disegni o meglio farli colorare dai bimbi di casa
- applicare il nastro adesivo sul cartoncino. Questa operazione fa risaltare i colori, non fa rovinare il disegno anche se si bagna (sarà su una cannuccia!!!), e rende il tutto molto durevole e riciclabile per la prossima festa (se non fate come noi che li regaliamo volentieri a chi ne rimane incantato!)
Per un risultato ancora più duraturo "plastificare" anche il retro.


- ritagliare ogni disegno lasciando un abbondante bordo attorno. Devono rimanere immagini tondeggianti, per poter essere infilate meglio sulla cannuccia


- praticare due taglietti lunghi circa 1 cm, uno sopra l'altro, alla distanza di circa 1 cm tra loro, al centro del disegno


- appaiare i disegni e le cannucce per colore (anche se il Pulce salterebbe alla grande questo passaggio)

- inserire ogni cannuccia nel taglietto superiore, da dietro, e farla uscire dal davanti nel taglietto inferiore
Il gioco è fatto!
Rileggendolo mi sono accorta che questo tutorial è veramente for dummies.

mercoledì 24 marzo 2010

Home made foam stamps. Ranuncoli blu sul pigiama premaman

Finalmente anche questo progetto è concluso, dopo essere stato fermo sul tavolo da lavoro da circa 3 settimane insieme al resto dei lavori in corso e a tutte le altre cose che si stanno accumulando lì per il trasloco.

Ora potrò bullarmi del mio pigiama fiorito quando me ne starò dolorante dopo il cesareo e agitatissima per tutti gli interrogativi che porterà con sè la nuova vita.

Ma ceeeerrtooo!

Daltronde non potevo mica lasciare così questo bel pigiama premaman!



Come al solito l'ho ereditato da una cugina ed è di un bellissimo colore, anche se mi lascia perplessa il fatto che abbia il cappuccio. Spero di non averne bisogno in reparto maternità, altrimenti il mio ospedale è proprio messo male!
Insomma il mio "nuovo"  pigiama è di un bel colore ma il davanti ha tantissime macchiette scolorate!
E allora rispolveriamo la tecnica degli stampini in gomma crepla e vediamo di adattarla allo scopo.
Qui ci vuole un motivo grafico, ma che stacchi completamente rispetto alle righine del pantalone.
Allora puntiamo sui fiori. A me piacciono molto i boccioli di botton d'oro, i ranuncoli, le peonie. Ma qui mi serve qualcosa di semplice, facilmente intagliabile nella gomma crepla, componibile per rendere "mosso" il disegno, e di un colore adatto. Che bello il blu!
Sono partita da qualche immagine trovata sul web ed ho fatto questa composizione..


... che poi ho "scomposto" e ritagliato, creando questi utili stampini:


In bianco e nero vengono così:

mentre a colori (dipinti con i pennarelli del Pulce) vengono così. Mi piacciono molto!


E, dopo la preparazione consueta della stoffa da stampare,



questo è il risultato


Qui la mia pancia sì è addiruttura prestata generosamente a fare da modella:


Alla fine più che ranuncoli sembrano delle belle di notte! Anche questa volta non sono stata molto filologica..



Ed ora qualche aggiornamento sui lavori in corso:

Il progetto dello SKY MOBILE per Ciccetto procede. Incredibile ma vero la mia macchina da cucire Lidl funziona davvero.

Invece ancora nulla di fatto per le decorazioni delle pareti e finestre della camera nuova del Pulce. In previsione di non farcela ho già pronta l'alternativa ikea: wall stikers Barnslig pieni di animali coloratissimi. Il Pulce già non vede l'ora di attaccarli.

Last but not least un ringraziamento a Linda di Pane, Amore e Creatività per aver ospitato le nostre uova di pasqua di plexiglass sul suo sito. Grazie!

Il Coniglietto Pasquale di soffa. Easter Bunny dal pattern di Kwoozy

Ieri è nato! Ma no, non Ciccetto, anche se sembra già stufo di starsene nella pancia.
E' nato il nostro coniglietto Pasquale, ed è nato anche il suo fratellino Pasqualino!


Ho trovato il pattern di questo morbidissimo coniglietto su Crafters, e -come tante- l'ho modificato un po'..
L'originale, come dal titolo, viene da questo blog di Kwoozy, che però pare sia in stand by dal 2008. Peccato!
Nel suo sito trovate pattern e tutorial del coniglio e della sua carota, anche se, nella mia inesperienza in fatto di cucito, ho dovuto fare qualche esperimento prima di capire bene come attaccare le orecchie.
Alla fine le ho attaccate a mano, e così pure la codina che ho creato per completare il tutto, e le applicazioni di feltro, che lo rendono ancora più "morbidoso".
Come tessuto ho usato le maniche di una felpa anni '80, enorme e sformata come andava allora. Da tempo mi era antipatica perchè aveva sul davanti un'inutile-enorme-finto-stemma di una fantomatica associazione americana di caccia e pesca. Figuriamoci! Per una come me che -quando non è incinta- è vegetariana dalla maggiore età!
Infatti nelle mie intenzioni questo post avrebbe dovuto intitolarsi: "La rivincita del coniglio Pasquale", ma mi si dice che non è un titolo molto facile da trovare in rete. Vabbè.
Il Pulce ha voluto subito i coniglietti con sè per dormire, quindi hanno passato a pieni voti il suo severo giudizio! "Sembra che sorridano", mi dice. E questo è essenziale.


Qui sopra vedete i due coniglietti pasquali tra le ultime nostre produzioni di uova di pasqua di plexiglass, decisamente più belle delle precedenti.
I conigli stanno coccolando l'unico uovo che ho finito anche all'esterno con rimasugli di feltro tagliati ed adattati e poi attaccati con colla UHU all'uovo.
Non che avessi molte alternative: la confezione delle uova aveva queste due metà spaiate (forse è per questo che era in offerta!) e quindi le ho dovute incollare tra loro e mascherare il bordo, possibilmente in modo grazioso.
La bella notizia è che questa colla funziona anche sul feltro e riesce a tenere insieme le due sottilissime metà-uovo. Non ci contavo.
Un'ultima considerazione: le ultime uova del Pulce sono più belle delle mie!!!!
Uffa! Io sono stata lì ad abbinare tutti i colori secondo le sfumature di immagini pasquali e fondo di carta velina, mentre lui ha attaccato la carta velina a pezzi di colore diverso e il risultato è stato magnifico!
Non si finisce mai di imparare!
Infine. Ho definito "softie" questo coniglio, ma ho letto anche che esiste il termine "stuffy" e anche un altro che or ora non mi sovviene - forse "plush", cioè peluche. Che cavolo di differenza c'è? Qualcuno mi illumina?

venerdì 19 marzo 2010

Piccolo lavoretto di primavera 2. Decorare le uova trasparenti con stickers e carta velina. Tutorial

Come vi anticipavo nel precedente post, siamo alle prese con la preparazione delle uova colorate per organizzare una "Caccia all'Uovo" il giorno di Pasquetta al Campo dei nonni.
La festicciola sarà l'occasione per festeggiare con gli amichetti del Pulce l'arrivo della Primavera e la possibilità di ricominciare a correre nei prati, giocare con la terra e far paciughi con l'acqua.
Anche se per ques'ultima attività forse sarebbe il caso di aspettare una futura Festa d'Estate..

Le condizioni ormai disastrose della casa in corso di trasloco, nonchè le dimensioni quantomeno ingombranti della mia pancia che ospita Ciccetto mi hanno fatta desistere dal pensare ad un lavoretto primaverile troppo impegnativo. Inoltre volevo che la partecipazione attiva del Pulce fosse possibile in tutte le fasi della realizzazione delle uova, per cui ho optato per la decorazione di uova di plexiglas trasparenti con piccole immagini a tema pasquale e carta velina colorata.

Ecco il materiale occorrente:



  • uova di plexiglas trasparenti. Io ho trovato in offerta delle mezze uova piccole da decoupage (anche se non ho ritenuto opportuno usare la tecnica del craquelé e la carta semitrasparente dei fazzolettini per un lavoretto per bambini. Sicuramente il risultato sarebbe stato migliore)
  • pennarelli indelebili opachi dai colori vivaci se si vogliono fare scritte e decorazioni a mano. Io ho usato degli UNI Posca a punta sottile
  • colla vinilica
  • pennelli larghi
  • immagini a tema primaverile-pasquale di piccole dimensioni e su carta poco spessa
  • forbici
  • carta velina colorata
  • eventuali stelle filanti o coriandoli avanzati da carnevale


Istruzioni:

  • appaiare le mezze uova su un piano da lavoro

  • tagliare le immagini scelte ed associarvi altri elementi decorativi come pois (coriandoli) e linee (stelle filanti) scegliendo una combinazione omogenea di colori. Io ho trovato gli stickers (gratis) che facevano al caso nostro su Ziggity Zoom 


e su Living Locurto,


oltre che delle deliziose farfalline su Stickers and Charts:


Ovviamente ho stampato gli "stickers" su carta normale, più leggera possibile, rimpicciolendo le dimensioni delle immagini per adattarle alle piccole dimensioni delle mie uova, evitando così spiacevoli pieghette. Le immagini le ha tagliate il Pulce, quindi vi potete immaginare il livello di precisione, ma tant'è.....

  • eventualmente fare le scritte e i disegni a mano con i pennarelli indelebili opachi

  • lasciare asciugare

  • stendere uno strato di colla sulle mezze uova ed incollare le decorazioni del primo strato (ovviamente con l'immagine all'esterno!!!!!!!!)

  • lasciare asciugare

  • nel frattempo scegliere i colori della carta velina da abbinare alle decorazioni di ciascun uovo in modo che ci sia contrasto tra immagini e scritte del primo strato e colore di fondo. In pratica immagine chiara su fondo scuro o viceversa




  • stendere un secondo strato di colla


  • tagliare la carta velina dei colori prescelti in pezzi piuttosto piccoli, anche irregolari

  • rivestire le metà uovo coprendo tutta la superficie. Il mio consiglio è di sciacquare il pennello ogni volta che si cambia colore di carta velina per evitare di colorare la colla e macchiare di conseguenza le applicazioni del primo strato


  • lasciare asciugare

  • riabbinare le metà uovo, eventualmente togliendo la colla e la carta in eccesso rimasta sui bordi, altrimenti non si incastrano!
Queste sono le nostre prime uova, niente di che, affatto precise, ma di sicuro molto colorate e lucide, quindi visibili ed adatte ad essere nascoste nel prato.


Se vi vengono meglio potete rifinirle applicando un nastrino sul lato per mascherare il bordo di unione tra le mezze uova e un fiocchetto in corrispondenza dell'anellino alla base. Io le ho lasciate così anche perchè magari dentro ci potremo nascondere piccoli disegni o foglietti. Vedremo..
Non mi resta che augurarvi, con molto molto anticipo..





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvertenza

Questo blog non è una testata giornalistica e non ha scopi di lucro.

Potrebbero essere state utilizzate occasionalmente immagini trovate nel web che ho ritenuto interessanti. Qualora i proprietari di tali immagini vedessero lesi i propri diritti su tale materiale sono pregati di segnalarmelo così che io possa immediatamente rimuoverlo.