lunedì 4 ottobre 2010

Spille di fiori di feltro fai da te per sciarpa e cappotto

L'autunno è arrivato. Quando c'è un tempo umido e fresco è piacevole avere per le mani del feltro spesso, caldo, fatto da me. Lo sto usando per fare delle spille da appuntare su una sciarpa o un cappotto da regalare alle mie amiche più care.

Quando ho scoperto l'esistenza del feltro e che mi piaceva maneggiarlo, mi sono subito informata sul modo per ottenere questo materiale così duttile al minor prezzo possibile, e con una qualità migliore di quella del Brico.. meno "plasticosa". Appena ho letto su siti americani (ma anche in Italia se ne è già parlato) che si poteva facilmente ottenere a partire da normalissimi maglioni di lana, ci ho provato pure io; poi è arrivata l'estate e la voglia di mettermi al lavoro col mio feltro fai-da-te è stata vinta dal caldo e dalle mani sudate.
Ora i tempi sono maturi e le soddisfazioni stanno già arrivando: da un maglione lavorato di Angu è venuto fuori un feltro grigio chiaro, caldo, con uno spessore irregolare, "rigato". Ne ho fatto un fiore da appuntare su una sciarpa di garza di lana, dello stesso colore, per la mia amica Sere. (Ovviamente non è quella che si vede in foto).


E' un fiore fatto con 12 petali di feltro, cuciti su due livelli ad un centro rotondo. Sul retro un fiore di feltro più piccolo (che serve a "tenere in posizione" i petali anteriori) a cui è cucita una spilla da balia.


Alla mia amica Sere pare che il regalo sia piaciuto, per cui ho deciso di infeltrire altri maglioni, miei, che ho usato tutti gli inverni fin dall'adolescenza (lo shopping non mi piace...) e che ormai erano consumati. Li ho messi in lavatrice col sapone per cotone a 95°(lavaggio bianchi) e ho ottenuto del feltro ancora più bello, bordeaux, blu e verde sottobosco, tutto finemente screziato.


Ho usato il bordeaux e il verde per cucire un'altra spilla-fiore per la Gio, che mi invecchia anche lei. La sciarpa da abbinare devo ancora comprarla, ma la vorrei un colore chiaro.. suggerimenti?
Questo fiore l'ho fatto così: sei petali arricciati alla base, cuciti tre a tre e poi sovrapposti sfalsati. Il centro è fatto arrotolando una cucitura infeltrita del maglione e cucendola su se stessa. Dietro sono state cucite le foglie e una spilla, questa volta più seria, comprata per l'occasione.




Mi sono rimaste due spille serie e qui il tempo non sembra rimettersi a breve.. cosa fiorirà stasera nel mio giardino di feltro?

P.S. Non ho usato particolari tutorial per cucire questi fiori. Penso che l'effetto finale dipenda soprattutto dal materiale particolare utilizzato, che ha una sua speciale consistenza. A posteriori qualche ispirazione la prenderei qui, qui e qui.

13 commenti:

  1. Ma dai... io non lo sapevo che si potesse infeltrire la lana e usarla al posto del feltro, (anche quello che ho io è sintetico). Infatti Frida in un commento ad un mio post mi chiedeva se il pannolenci o feltro era uguale alla lana cotta... Ora capisco tutto! I tuoi fiori sono molto belli! Brava!

    RispondiElimina
  2. Ma che bello. Non ho mai lavorato il feltro, ma l'idea di fare qualche cosa con i maglioni vecchi mi piace. Ci proverò anche io

    RispondiElimina
  3. @ Pollon: si, anche io faccio un po' di confusione con i nomi, ma quel che risulta dai maglioni è veramente speciale. Poi posso ancora portare con me qualcosa che ho indossato per tanto tempo, ma trasformato. Io mi affeziono un po' troppo alle cose, mi sa.
    @ CartaCanta: prova, dai! Mi saprai dire come è andata! Io ho ricevuto in regalo proprio oggi 3 maglioni usati di 3 rosa diversi, immettibili per me, ma del feltro rosa (e pure sfumato) può sempre farmi comodo in vista della stagione dei regali di Natale!!!

    RispondiElimina
  4. è un bellissimo modo di recuperare quei maglioni che non ci stanno più bene! guarda che belle creazioni...

    RispondiElimina
  5. Anche io conservo tante maglie, magliette, canotte e maglioni rovinati o passati di moda, alcuni hanno un valore per me e mi spiace buttarli. Però questo è un bel modo per usarli e dargli nuova vita. E il metodo l'ho già usato, senza saperlo e non intenzionalmente. Le prime volte che ho messo in lavatrice un maglione di lana, tra l'altro a bassa temperatura, è uscito un indumento per Cicciobello e ci sono rimasta malissimo!

    RispondiElimina
  6. idea deliziosa.... provero anche io a far infeltrire i maglioni.... diciamo che mi riesce abbastanza bene anche quando non è mia intenzione

    RispondiElimina
  7. @bussola: mi sa che qui sei in buona compagnia! ;-)

    RispondiElimina
  8. ma si... siamo tutte sulla stessa barca... anche io di tanto in tanto infeltrisco maglioni senza rendermene conto!!! ottimo modo per riciclarli... magari aggiungendo anche qualche paillette o strass per un piccolo punto luce!

    RispondiElimina
  9. @ Stefania: si! i maglioni rosa li devo ancora infeltrire ma poi qualche nuovo elastico per bambine ne verrà certo fuori, bello sbarluccicante.. alla fine voi li avete fatti?

    RispondiElimina
  10. MA che bel blog!
    Complimenti!
    Tante idee fantastiche spiegate magnificamente!

    RispondiElimina
  11. @ piccolitesori: grazie per il commento! le idee a volte non sono originali, ma in effetti è impegnativo spiegare come si sono realizzate in concreto!

    RispondiElimina
  12. alla ricerca di idee "creative" ne web sono arrivata al tuo blog. Fantastico e fantastica tu con le tue idee. Complimenti! sono ufficialmente una tua fans!
    Nicoletta S

    RispondiElimina
  13. ciao Nicoletta! Grazie di essere passata a trovarmi e per il gentile commento. Qual'è il progetto che più ti ha interessata?Ti va di partecipare al mio giveaway? ciao!

    RispondiElimina

Lasciami un tuo commento! (grazie!)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Avvertenza

Questo blog non è una testata giornalistica e non ha scopi di lucro.

Potrebbero essere state utilizzate occasionalmente immagini trovate nel web che ho ritenuto interessanti. Qualora i proprietari di tali immagini vedessero lesi i propri diritti su tale materiale sono pregati di segnalarmelo così che io possa immediatamente rimuoverlo.